.

ASS. SENZA FRONTIERE

SEDE
Via Perucchina, 16
31029 Vittorio Veneto 

TELEFONO
348/5821101 

INTERNET

www.facebook.com/AssociazioneSenzaFrontiere 

PRESIDENTE
Fiammetta D'Arsiè 

SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE
L'associazione Senza Frontiere si è costituita nel 1977 e opera nella zona del vittoriese e dei comuni limitrofi attraverso iniziative politico/culturali con il fine di eliminare incomprensioni, diffidenze, ignoranze, nazionalismi, razzismi, verso le comunità di stranieri presenti nel nostro territorio, nel rispetto delle divers ità, razze, religioni, sesso, colore.
Noi crediamo che sia maturato il tempo per costruire una cittadinanza civile e sociale che crei, attraverso forme di sostegno, una reale integrazione e socializzazione con i cittadini stranieri e che gli enti locali a
tale scopo debbano essere protagonisti. Siamo convinti inoltre che aggregazione e socializzazione si realizzino attraverso occasioni di incontro con il contesto sociale in cui le diverse forme etniche, interetniche, culturali e religiose vivono.
Le iniziative organizzate nel tempo sono state 63. Molte sono quelle relative alle tante situazioni difficili esistenti nel mondo, per guerra, dittature, calamità naturali. Sono state realizzati incontri sulla situazione della Palestina, del Guatemala, dell'Iraq, dei Balcani, Colombia, Tibet, Bolivia, Afghanistan, Libano, Africa, fino alle recenti sul Nepal, Sud Sudan, Haiti; altre aperte a un dibattito politico del Paese, come l'incontro Il caso zingari e Uscite di sicurezza, l+1=3. Abbiamo incontrato e pernesso di conoscere persone che hanno collaborato con le grandi organizzazioni umanitarie come Emergency e Medici Senza Frontiere. Tra i relatori più noti, i giornalisti Farian Sabahi e Fulvio Grimaldi, il poeta cheyenne Lance Henson, la rappresentante delle donne nere di Belgrado Sonia Prodanovic, lo scrittore cubano Julio Miguel Lianes.
Proprio con l'iniziativa sulla tragedia di Haiti abbiamo cominciato la nuova stagione.
Le difficoltà incontrate sono soprattutto di reperire spazi adeguati nel territorio, senza un aggravio economico, dato che non abbiamo contributi dall'amministrazione comunale.
Le soddisfazioni le abbiamo avute con un'affluenza del pubblico in aumento sia nelle iniziative che nella rassegna cinematografica, che da 10 anni proponiamo con 8 film dei diversi Paesi del mondo, realizzati da registi autoctoni che trattano temi di carattere politico/sociale riguardanti il loro Paese.
Abbiamo collaborato con varie associazioni: Mercato Equo Solidale, Mani Tese, Caritas, Amnesty, Emergency, Medici Senza Frontiere, Attac e altre. 

Il nostro sogno? La realizzazione del nostro slogan perché I'unica patria dell'uomo sia il mondo.